VIAGGI D’ISTRUZIONE

VISITE GUIDATE E VIAGGI D’ISTRUZIONE

 

La scuola riconosce alle visite guidate e ai viaggi di istruzione, compresi quelli connessi con attività sportive, una precisa valenza formativa, al pari di altre attività didattiche integrative; sono pertanto riconosciuti come attività da computarsi tra i giorni di scuola a tutti gli effetti.

Resta confermato che le visite guidate e i viaggi di istruzione, compresi quelli connessi ad attività sportive, presuppongono, in considerazione delle motivazioni culturali e didattiche che ne costituiscono il fondamento e lo scopo preminente, una adeguata programmazione didattica e culturale predisposta nelle scuole fin dall’inizio dell’anno scolastico. In fase di programmazione vanno altresì attentamente valutate le tipologie di attività connesse a tali iniziative e i rischi che le stesse possono comportare, in modo da prevenire il verificarsi di infortuni durante il loro svolgimento.

Poiché i viaggi e le visite devono essere funzionali agli obbiettivi cognitivi, culturali e didattici peculiari a ciascun tipo di scuola, dovranno inserirsi nelle attività programmate dai Consigli di Classe ed Interclasse e dal Collegio dei Docenti, nel rispetto di quanto disposto dalle disposizioni ministeriali vigenti in materia. Pertanto gli Organi collegiali competenti dovranno deliberare i viaggi d’istruzione specificando nei verbali di riunione le motivazioni culturali e didattiche.

Anche nel caso di visite occasionali, o di altre opportunità educative offerte dal territorio che venissero a presentarsi nel corso dell’anno, ci si dovrà attenere alle indicazioni suddette.

 

 

Tipologia dei Viaggi

 

Ai fini di un’univoca interpretazione, si individuano le seguenti tipologie di viaggi:
VIAGGI DI ISTRUZIONE. Si effettuano nell’arco di uno giorno in località italiane al fine di promuovere negli alunni una migliore conoscenza del loro paese nei suoi aspetti paesaggistici, monumentali, culturali e folcloristici. Detti viaggi possono altresì prefiggersi la partecipazione a manifestazioni culturali varie, ovvero a concorsi che comportino lo spostamento in sede diversa da quella dove è ubicata la scuola.

VISITE GUIDATE. Si effettuano nell’arco di una sola giornata o nell’ambito dell’orario di lezione presso complessi aziendali, mostre, monumenti, musei, gallerie, località d’interesse storico-artistico, parchi naturali ecc.; si considerano visite guidate anche le uscite per partecipare a spettacoli, conferenze, laboratori ecc.

VIAGGI CONNESSI CON ATTIVITA’ SPORTIVE. Si effettuano nell’arco di un giorno e sono finalizzati a garantire agli allievi esperienze differenziate di vita ed attività sportive. Vi rientrano sia le specialità sportive tipicizzate, sia le attività genericamente intese come “sport alternativi”, quali le escursioni, i campeggi, le settimane bianche, i campi scuola. Rientra in tale categoria d’iniziativa anche la partecipazione a manifestazioni sportive.

 

 

 

 

PROSPETTO VIAGGI D’ISTRUZIONE A.S.2016-2017

 

PLESSO CLASSI /

 SEZIONI

DESTINAZIONE
Infanzia

APORTI

4- 5 anni Biblioteca “ L’isola del tesoro “ Ancona

Biblioteca dei Ragazzi Ancona

Industria Dolciaria Giampaoli Ancona

Infanzia

GRAMSCI

 

3-4

5 anni

Pinacoteca

Biblioteca Comunale

Fattoria Didattica “ La Rocca Verde” Ancona

Infanzia

R.MARGHERITA

Sez . B

(5anni)

Pinacoteca

Spettacolo Teatrale

Biblioteca

Sez . C

(5 anni)

Biblioteca

Teatro

Sez. D Teatro (tutti)

Biblioteca (5 anni)

Pinacoteca (5 anni)

Sez . E Biblioteca ( 5 anni)

Teatro ( tutti)

Sez . F Biblioteca (5anni)
 

 

Primaria

ELIA

 

 

 

 

2^ Fattoria Sbaffi       Recanati
3^ Monte Conero      Ancona
4^ Museo del Balì       Saltara

 

5^ Festival del folklore   Bellaria
Primaria

FRANK

2^ Biblioteca “ L’isola del tesoro “ Ancona

Museo Omero Ancona

3^ Mostra Micologia , Biologia e Piante officinali

Museo archeologico delle Marche

Museo della città – Pinacoteca

Biblioteca Benincasa

4^ Museo di Micologia , Biologia e Piante Officinali

Museo Archeologico delle Marche

Museo della città – Pinacoteca

Biblioteca Benincasa

Festival del folklore Bellaria

5^ Museo Omero Ancona

Museo Archeologico delle Marche

Museo della città – Pinacoteca

Secondaria di I°

PODESTI

I^ Gradara / Ravenna
II^ Mantova / Ferrara
III^ Bologna

 

 

Nel corso dell’anno verranno accolte tutte le proposte congruenti con le finalità educativo- didattiche della relativa area e che provengono dai soggetti del territorio .

Tali iniziative verranno inserite nelle programmazioni delle classi interessate.

Destinatari

 

Sono gli alunni delle scuole d’infanzia, delle scuole primarie e della scuola secondaria di primo grado.

E’ opportuno che ad ogni viaggio partecipino studenti compresi nella medesima fascia di età, sussistendo tra coetanei esigenze ed interessi per lo più comuni.

Nessun viaggio o visita guidata può essere effettuato ove non aderiscano almeno i 2/3 degli alunni componenti le singole classi coinvolte, anche se è auspicabile la presenza pressoché totale degli alunni delle classi. (Fanno eccezione viaggi la cui programmazione contempli la partecipazione di studenti appartenenti a classi diverse, ad attività laboratoriali nonché viaggi connessi con attività sportive o agonistiche).

Gli alunni che non partecipano al viaggio o visita svolgono attività didattica, anche tramite inserimento in altra classe: tale attività è comunicata preventivamente.

N.B.: Viene interdetta la partecipazione ai viaggi di istruzione agli alunni che nel corso dell’anno si sono resi responsabili di episodi di particolare gravità; in tali casi si fa riferimento a quanto stabilito dal Regolamento d’Istituto.

 

 

Destinazione
Gli itinerari non dovranno risultare particolarmente faticosi riguardo al chilometraggio totale, onde evitare una permanenza eccessivamente lunga degli alunni nei mezzi di trasporto.

In via generale è consigliabile seguire il criterio della maggior vicinanza della meta prescelta, anche in considerazione del fatto che non possono essere chieste alle famiglie degli alunni quote di compartecipazione di entità tale da determinare situazioni discriminatorie.

Nelle classi in cui siano presenti alunni diversamente abili la scelta della destinazione e la durata del soggiorno devono essere messe in relazione alle esigenze di tali alunni.

E’ inoltre opportuno diversificare le mete, in considerazione del fatto che nelle città d’arte italiane in certi periodi dell’anno il flusso di turismo è particolarmente intenso; a tale proposito si invita a tener presenti, nella scelta delle destinazioni, anche località e centri minori, parimenti ricchi di patrimoni storico, artistico e culturale.
SCUOLA D’INFANZIA

– Spostamenti nell’ambito della Provincia.

SCUOLA PRIMARIA

– Per le prime classi si ritiene opportuno che gli spostamenti avvengano nell’ambito delle rispettive province, mentre per le altri classi l’ambito territoriale può essere allargato all’intera regione. Tale criterio territoriale assume carattere generale e orientativo.

SCUOLA SECONDARIA di PRIMO GRADO

– I viaggi di istruzione potranno avvenire su tutto il territorio nazionale. Limitatamente alle terze classi, gli uffici scolastici provinciali potranno eccezionalmente autorizzare viaggi in Europa per la visita ad importanti organismi internazionali… o programmati in conseguenza dell’adesione ad iniziative internazionali.
Durata  e periodo
Viene indicato in sei giorni il periodo massimo utilizzabile per le visite guidate la cui durata eccede l’orario scolastico giornaliero, i viaggi d’istruzione e per le attività sportive, per ciascuna classe, da utilizzare in un’unica o più occasioni.

Le visite guidate non dovranno superare la durata di una giornata; i viaggi di istruzione e quelli connessi ad attività sportive non dovranno superare la durata di sei giorni.
Viaggi e visite guidate sono vietate nell’ultimo mese di lezione (ad eccezione di quelli collegati con l’educazione ambientale o ad attività sportive), nelle ore notturne e nei giorni di scrutini e delle elezioni scolastiche.

In merito alla sicurezza, quando possibile, dovrebbero essere evitate le visite nei giorni prefestivi e nei periodi di massima affluenza turistica.

 

Accompagnatori
Gli accompagnatori degli alunni sono prioritariamente i docenti di classe o di modulo, preferibilmente di materie attinenti alle finalità del viaggio o visita guidata.

Di norma deve essere assicurato l’avvicendamento dei docenti accompagnatori in modo da escludere che lo stesso docente partecipi a più di un viaggio di istruzione nel medesimo anno scolastico.

Il numero di accompagnatori dovrà essere di uno ogni 15 alunni fermo restando – per la scuola primaria – l’eventuale elevazione di un’unità, e fino ad un massimo di tre unità complessivamente per classe, ove ricorrano effettive esigenze.

Nel caso di partecipazione di uno o più alunni portatori di handicap “si demanda alla ponderata valutazione dei competenti organi collegiali di provvedere, in via prioritaria, alla designazione di un qualificato accompagnatore nonché di predisporre ogni altra adeguata misura di sostegno. Ciò significa che l’accompagnatore non deve essere necessariamente l’insegnante dell’attività di sostegno, ma può essere un qualunque membro della comunità scolastica (personale ausiliario o educatore comunale) o un familiare”.
Sentito il parere del Consiglio di classe o di Interclasse è ammessa la partecipazione dei genitori degli alunni, senza oneri a carico dell’Amministrazione, nel caso in cui se ne ravvisi la necessità (esempio: necessità di somministrare farmaci ecc.).

Per quanto riguarda l’indennità di missione, si fa riferimento a quanto specificato della Legge 266/05, che non prevede alcuna indennità di trasferta né intera né ridotta.

Inoltre si evidenzia che non spetta alcun recupero qualora il viaggio cada nel giorno libero in quanto il cosiddetto è un normale giorno lavorativo. Spetta invece il recupero della giornata della domenica laddove il viaggio impegni questo giorno.

Tranne gli insegnanti della prima ora che già nella giornata stessa possono essere utilizzati per eventuali sostituzioni, tutti gli altri possono trovarsi, in assenza degli alunni, con “ore buche” da restituire all’Istituto qualora se ne ravvisi la necessità, in qualsiasi ora e giorno, compreso quello libero.

L’incarico di accompagnatore comporta l’obbligo di una attenta ed assidua vigilanza degli alunni, con l’assunzione delle responsabilità di cui agli artt. 2047 e 2048 del C.C. e all’art. 61 della Legge 312/1980.

Ai fini di una corretta vigilanza sugli alunni, si raccomanda di non prevedere tempi morti autogestiti dagli stessi.

I docenti accompagnatori, a viaggio d’istruzione concluso, sono tenuti ad informare gli organi collegiali ed il capo d’istituto, per gli interventi del caso, degli inconvenienti verificatesi nel corso del viaggio o della visita guidata, con riferimento anche al servizio fornito dall’agenzia o ditta di trasporto.

 

Comportamento degli alunni

 

Gli alunni, per l’intera durata del viaggio o della visita guidata, sono tenuti a mantenere un comportamento corretto e rispettoso delle persone e delle cose, coerentemente con le finalità educativo-formative dell’istituzione scolastica. Al fine di garantire l’altrui e propria incolumità, sono tenuti ad osservare scrupolosamente le regole del vivere civile, in particolare il rispetto degli orari e del programma previsto.

E’ severamente vietato detenere bevande alcoliche o sostanze psicotiche e farne uso.

E’ d’obbligo:

  • sui mezzi di trasporto, evitare spostamenti non necessari e rumori eccessivi;
  • in albergo muoversi in modo ordinato, evitando ogni rumore che possa ledere il diritto all’altrui tranquillità;
  • non allontanarsi dall’albergo su iniziativa personale sia di giorno che di notte;
  • che il gruppo rimanga unito durante le visite, attenendosi alle indicazioni degli accompagnatori.

La responsabilità degli allievi è personale: pertanto qualunque comportamento difforme determina l’applicazione di provvedimenti disciplinari, graduabili in base alla gravità della eventuale mancanza commessa; nei casi più gravi, d’intesa fra i docenti accompagnatori e il Dirigente Scolastico, può essere prevista l’immediata interruzione del viaggio con onere finanziario a carico dei genitori degli allievi responsabili. Eventuali danni materiali procurati durante il soggiorno saranno addebitati alle famiglie degli studenti assegnatari del posto sul mezzo di trasporto o della camera assegnata. In caso di danni arrecati a cose, a terzi o al patrimonio artistico- ambientale si fa riferimento agli artt. 2047 e 2048 del C.C..

 

Organizzazione

 

Competenze

La programmazione e la delibera dei viaggi d’istruzione e delle visite guidate spetta ai Consigli di Intersezione, di Interclasse e di Classe. Nel programmare le visite guidate e i viaggi di istruzione i Consigli indicheranno i nominativi degli accompagnatori e di eventuali docenti che si rendano disponibili come riserve.

Per quanto riguarda le visite guidate non eccedenti le 4-5 ore l’approvazione spetta al Dirigente Scolastico, mentre per i viaggi d’istruzione è necessaria l’approvazione del Collegio dei Docenti e la delibera da parte del Consiglio d’Istituto.

Il Dirigente Scolastico riassume nella sua veste tutte le responsabilità amministrative sostanziali; il suo decreto costituisce l’atto finale del procedimento amministrativo.

Il Dirigente Scolastico individua una commissione costituita da docenti dei tre ordini di scuola (Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) che avranno il compito di promuovere  una collaborazione ed una mediazione tra i vari soggetti istituzionali: Dirigente, DSGA, docenti dei consigli di Intersezione/Interclasse/Classe, affinché sia predisposto in modo corretto il piano annuale delle visite e viaggi di istruzione. E’ opportuno, per una buona organizzazione dei viaggi, che sia nominato almeno un referente per ogni plesso dell’Istituto Comprensivo.

I referenti facenti parte della commissione hanno il compito di: redigere il prospetto delle visite guidate e dei viaggi d’istruzione entro il 31 gennaio di ogni anno. Successivamente dovrà effettuare un sondaggio preliminare per valutare il numero degli alunni che realmente intendono partecipare al viaggio, al fine di evitare defezioni nella fase successiva all’espletamento della gara di appalto e alla sottoscrizione dei contratti con le ditte di trasporto (pertanto le famiglie dovranno essere informate del fatto che l’eventuale adesione al viaggio data in  fase di sondaggio preliminare  è impegnativa  e comporta l’obbligo alla partecipazione al viaggio, salvo motivi di salute certificati); organizzare le visite e i viaggi; redigere il programma dettagliato; inoltrare agli alunni le comunicazioni per la richiesta delle autorizzazioni e per le modalità di pagamento; raccogliere le autorizzazioni e le ricevute di versamento delle quote di partecipazione e consegnarle alla segreteria.

Il pagamento della quota di partecipazione al viaggio di istruzione sarà effettuato tramite versamento con bollettino postale sul conto corrente dell’Istituto. In caso di mancata partecipazione al viaggio non è garantito il rimborso della quota versata.

La segreteria ha il compito di: consegnare la modulistica prevista al referente di plesso; predisporre le lettere di incarico ai docenti accompagnatori; acquisire dal referente i bollettini del versamento effettuato dai genitori e le autorizzazioni all’uscita degli allievi; preparare i mandati per i pagamenti; organizza le gare d’appalto per la selezione delle ditte di autotrasporto e/o agenzie di viaggi seguendo la procedura di cui all’art. 32 del D.I. 44/2001.

 

Procedura

 

Viaggi di istruzione

I docenti che intendono effettuare un viaggio di istruzione dovranno contattare entro il 30 novembre di ciascun anno il referente di plesso che provvederà ad avviare la procedura per l’organizzazione dello stesso; tali proposte verranno registrate nei verbali del secondo Consiglio di Classe o Interclasse.

Il referente, entro il 20 gennaio, si attiverà per contattare enti ed operatori al fine di acquisire il maggior numero di informazioni utili all’attuazione del viaggio, preventivare i costi di massima e prenotare i servizi richiesti. Alla luce di quanto acquisito, compilerà il modulo previsto (modello A1) da consegnare in segreteria; inoltre i referenti di tutti i plessi compileranno in modo congiunto un prospetto riepilogativo di tutti i viaggi da effettuare e lo trasmetteranno alla segreteria entro il 31 gennaio per l’espletamento della gara di appalto per il servizio trasporto.

Per la Scuola secondaria si dovrà effettuare un sondaggio preliminare  (modello A3) per valutare il numero degli alunni che realmente intendono partecipare al viaggio. Ogni referente di plesso valuterà l’opportunità di effettuare il sondaggio per la Scuola Primaria.

La segreteria, espletate le gare di appalto, convoca la commissione per valutare e scegliere le offerte in base ai criteri preventivamente stabiliti.

Si predispongono poi i documenti necessari:

  • richiesta di autorizzazione ai genitori (modello A2) comprensiva di: programma analitico del viaggio con descrizione dettagliata delle attività proposte; modalità previste per i pasti; costo pro capite comprensivo di trasporto ed eventuali servizi; elenco degli accompagnatori; richiesta di dichiarazione da parte della famiglia di specifiche situazioni relative allo stato di salute dello studente; al modello A2 saranno allegati il bollettino per il pagamento delle quote individuali e il codice di comportamento degli alunni (il modello è predisposto dal referente almeno 30 giorni prima della data di partenza, mentre la raccolta delle autorizzazioni e delle attestazioni di pagamento è a cura del coordinatore di classe);
  • nomina ufficiale dei docenti accompagnatori (a cura del Dirigente scolastico);
  • documentazione relativa agli eventuali alunni portatori di handicap nel caso in cui sia necessaria per richiedere gratuità e/o servizi particolari (modelli C1 e C2).

L’insegnante referente di plesso, raccolta tutta la documentazione, provvede a consegnarla in segreteria.

Al rientro dal viaggio i docenti accompagnatori compileranno un questionario (modello F) per la valutazione della qualità dei servizi utilizzati e lo consegneranno al referente di plesso che provvederà a prendere atto delle eventuali indicazioni e a trasmetterne copia alla segreteria.

 

Settimana bianca

All’inizio dell’anno scolastico i docenti interessati prenderanno contatti con gli enti organizzatori (Ministero della Pubblica Istruzione – Ufficio Educazione Fisica e Sportiva) e, se opportuno, si attiveranno per promuovere l’iniziativa presso la scuola sec. di 1° grado (modello D1) adempiendo poi a tutte le incombenze necessarie indicate dagli enti organizzatori e dal Dirigente Scolastico.

 

Visite guidate e occasionali all’interno dell’orario di lezione (anche di un giorno)

All’inizio dell’anno scolastico i referenti di plesso provvedono a raccogliere le autorizzazioni generiche (modello B) per le eventuali visite da svolgersi nell’arco dell’anno scolastico; tali autorizzazioni andranno conservate in luogo sicuro.

I docenti che intendono effettuare una visita guidata devono inserire la stessa all’interno della programmazione educativo-didattica, presentarla al Consiglio di Intersezione / Interclasse / Classe per l’approvazione e compilare l’apposito modulo (modello B1) da consegnare in segreteria, per ottenere l’autorizzazione del Dirigente Scolastico, non più tardi di 7 giorni precedenti l’effettuazione della visita; l’autorizzazione si intende accolta se non viene espressamente comunicato il diniego al docente richiedente. Nel caso di visite occasionali, che dovessero presentarsi nell’arco dell’anno, sarà sufficiente richiedere l’autorizzazione al Dirigente Scolastico, comunicando successivamente ai Consigli di Interesezione / Interclasse/ Classe l’avvenuta uscita e le motivazioni che l’hanno determinata.

L’organizzazione della visita guidata è di competenza del docente interessato, il quale provvede a:

  • prenotare eventuali ingressi e servizi;
  • prenotare telefonicamente il mezzo di trasporto pubblico, compilando successivamente l’apposito modulo (modello B3);
  • ottenere le autorizzazioni dei genitori: nel caso in cui la visita si svolga all’interno del territorio comunale o al di fuori di esso, è necessaria la richiesta di autorizzazione redatta su apposito modulo (modello B2) ad integrazione dell’autorizzazione generica (modello B).

 

Partecipazione a spettacoli e concerti all’interno dell’orario di lezione

I docenti che intendono partecipare con la classe a spettacoli, concerto o eventi assimilabili sono tenuti a procedere secondo quanto indicato nel precedente paragrafo (visite guidate).

 

Uscite connesse con attività sportive

I docenti che intendono partecipare con la classe ad attività sportive (Giochi sportivi studenteschi, gare ecc.) inserite all’interno della programmazione educativo-didattica, provvederanno ad ottenere le autorizzazioni dei genitori degli alunni utilizzando l’apposito modulo (modello D), in cui andranno specificate le modalità di trasporto per raggiungere la struttura sportiva.

 

Mezzi di trasporto

 

E’ consigliabile usufruire dei mezzi di trasporto pubblico, compreso il treno, per i quali non è necessario acquisire particolari documentazioni.

Tuttavia, in mancanza di detti mezzi, si provvederà all’appalto del trasporto presso ditte private, come sopra specificato.

 

Costi

 

I contributi degli alunni e dei genitori dovranno essere introitati al bilancio dell’Istituto Comprensivo.

Il Consiglio di Istituto o la Giunta, in base a regole prefissate di anno in anno, stabilirà la partecipazione dell’Istituto alle spese degli alunni indigenti.

Per quanto riguarda le eventuali gratuità relative agli alunni portatori di handicap, queste verranno prese in considerazione nello stabilire le quote di partecipazione individuali.

 

 

 

Assicurazione

 

Tutti i partecipanti ai viaggi di istruzione (accompagnatori, alunni, genitori, personale A.T.A.) dovranno essere coperti da polizza assicurativa contro gli infortuni personale o cumulativa.

 

 

Disposizioni finali

 

E’ opportuno che i docenti accompagnatori siano dotati di un pacchetto di primo soccorso da prelevare dalla dotazione del plesso in occasione dei viaggi d’istruzione.

Tutti i viaggi di istruzione e le visite guidate avranno come sede di partenza e di arrivo, ai fini della durata, del servizio del personale docente e non e della polizza assicurativa, il plesso scolastico di appartenenza. Da tale punto avrà quindi inizio l’uso del mezzo di trasporto stabilito, tranne ovviamente nel caso in cui si utilizzi il treno.

Il Dirigente Scolastico può autorizzare, nel caso in cui un viaggio si protragga oltre le ore 21.00, la sospensione dell’attività didattica della prima ora di lezione del giorno successivo sia per gli alunni che per i docenti accompagnatori.

 

 

Allegati

 

    da compilare a cura di: allegati:
MODELLO A1 Proposta viaggio d’istruzione Referente di plesso  
MODELLO A2 Richiesta di autorizzazione ai genitori per i viaggi di istruzione Referente di plesso

(i cedolini e le attestazioni di pagamento vengono ritirati dai coordinatori di classe)

– bollettino per il pagamento della quota

– responsabilità dei genitori “culpa in educando”

MODELLO A3 Richiesta preliminare (sondaggio) ai genitori per i viaggi di istruzione Referente di plesso

(i cedolini vengono ritirati dai coordinatori di classe)

 
MODELLO B Richiesta di autorizzazione ai genitori per le visite guidate sul territorio comunale (richiesta generica) Referente di plesso (da predisporre all’inizio dell’anno; i cedolini vengono ritirati dai coordinatori di classe)  
MODELLO B1 Proposta di visita guidata Docente interessato  
MODELLO B2 Richiesta di autorizzazione ai genitori per le visite guidate al di fuori del territorio comunale Docente interessato  
MODELLO B3 Richiesta scuolabus per visite guidate Docente interessato  
MODELLO C1 Richiesta di assistenza educativa per l’alunno disabile Docente di sostegno o coordinatore  
MODELLO C2 Dichiarazione di disabilità per usufruire di ingressi o servizi Docente di sostegno (eventuale firma dei genitori)  
MODELLO D Richiesta di autorizzazione ai genitori per le uscite connesse alle attività sportive Docente interessato  
MODELLO D1 Richiesta di autorizzazione ai genitori per la settimana bianca Docente interessato – responsabilità dei genitori “culpa in educando”

– norme di comportamento durante la settimana bianca

MODELLO E Modulo per conferimento incarico docente/i accompagnatore/i Dirigente Scolastico  
MODELLO F Modello per la valutazione finale del viaggio d’istruzione Docenti accompagnatori  
PROSPETTO RIASSUNTIVO Tabella da compilare entro il 31 gennaio con il riepilogo di tutti i viaggi d’istruzione programmati Da compilare in modo congiunto a cura di tutti i referenti di plesso