Area logico-matematica, scientifica e digitale

La premessa per la matematica
Nella  premessa  per la matematica  si richiamano  alcune  condizioni  dell’insegnamento che si ritengono necessarie  per favorire l’apprendimento della  matematica  negli  allievi   della  scuola dell’infanzia,  primaria  e secondaria  di primo  grado:
–  Il laboratorio di matematica, inteso  più come un “luogo” di discussione, di formulazione  di ipotesi, di soluzione  di problemi, piuttosto che come un ambiente fisico nel  quale  realizzare esperienze.
– La discussione  in classe, quale  momento di confronto e di scoperta, favorevole  alla  costruzione di conoscenze e all’attribuzione  di significato ai diversi oggetti matematici (simboli, concetti, procedure…).
– I contesti di apprendimento e di lavoro devono fare  riferimento a problematiche  reali, a campi d’esperienza, anche  dell’extrascuola   e allo  stesso  codice matematico,  offrendo agli studenti  l’opportunità di formulare e confermare concezioni  intuitive, idee  e spiegazioni delle situazioni problematiche.
– L’uso delle  tecnologie,  che si  articola su  tre livelli:
°  Uso di strumenti di calcolo e di software specifici
°  Uso delle risorse informative, disponibili sulla rete internet o su software ipermediali
°  Uso delle risorse comunicative di rete, per favorire l’interazione con compagni e insegnanti.
I traguardi per lo sviluppo delle competenze  in matematica al termine della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado rappresentano riferimenti per gli insegnanti, indicano piste da percorrere e aiutano a finalizzare l’azione educativa allo sviluppo integrale dell’alunno secondo la normativa vigente.
Il Forum delle associazioni disciplinari (Glossario minimo per un curricolo nazionale) definisce i nuclei fondanti come “Concetti fondamentali che ricorrono in vari luoghi di una disciplina ed hanno perciò valore strutturante e generativo di conoscenze, orientano cioè, alla luce delle modalità di apprendimento proprie di ogni età e persona, la scelta di contenuti prioritari dell’insegnamento e dell’apprendimento“. Nel nostro Istituto i docenti dell’area matematica  individuano i seguenti nuclei:
• Il numero in situazioni varie, significative e problematiche, relative alla vita di tutti i giorni, alla matematica e agli altri ambiti disciplinari;
• Spazio, figure e misura in contesti interni ed esterni alla matematica con particolare riferimento alle scienze sperimentali;
• Relazioni, dati e previsioni in contesti matematici e in situazioni varie relative alla vita di tutti i giorni e agli altri ambiti disciplinari;
• Risolvere e porsi problemi (competenza trasversale) in diversi contesti sperimentali, linguistici e matematici, in situazioni varie relative sia a campi di esperienza scolastica e non.
Pertanto, su tali nuclei fondanti, sono impostati i percorsi curricolari in tutti e tre gli ordini di scuola adeguando le proposte all’età dei bambini e dei ragazzi.
I progetti
Come ampliamento dell’offerta formativa, gli alunni e le alunne del nostro Istituto Comprensivo vengono coinvolti in diversi progetti: alcuni di essi sono pensati e calibrati sia per le singole classi che per i vari ordini di istruzione.
Ciascun progetto, permette di sviluppare un percorso sperimentale, attraverso finalità comuni e strategie specifiche, che dalla scuola dell’infanzia continua fino alla scuola secondaria di 1° grado.
I progetti prendono in carico la diversità, le situazioni degli alunni che evidenziano talenti specifici da valorizzare attraverso percorsi personalizzati. Risultano inoltre prioritari interventi specifici volti a favorire l’integrazione e contrastare situazioni di svantaggio,  a promuovere l’acquisizione di conoscenze ed abilità, compresa l’alfabetizzazione linguistica, matematica e informatica, attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie come strumenti „altri“ di apprendimento, che supportano la didattica ordinaria in percorsi innovativi.
I progetti rispondono all’azione di miglioramento e possono qualificarsi come percorsi finalizzati alla valorizzazione/scoperta di talenti, capaci contestualmente di promuovere una didattica inclusiva che sappia, cioè, farsi carico di bisogni educativi speciali.
PC AMICO
A partire dalla scuola dell’infanzia, attraverso il progetto PC Amico i bambini di 5 anni (ultimo anno della scuola dell’infanzia) prendono confidenza con il computer, rafforzano le capacità di autonomia e di coordinazione oculomanuale.
Il progetto si propone come obiettivo l’utilizzo appropriato del computer attraverso alcune attività che prevedono il programma grafico Paint: accendere e spegnere il computer; utilizzare la tastiera e il mouse per essere in grado di realizzare semplici disegni e, discriminando i vari colori, riempire semplici figure; riuscire a scrivere il proprio nome.Il  gruppo dei bambini svolge l’attività settimanalmente, durante l’orario di compresenza delle insegnanti.
CORSO DI SOSTEGNO DIDATTICO POMERIDIANO
Il progetto, presente già da diversi anni nella Scuola Primaria Leonardo da Vinci, prevede due rientri settimanali che si effettuano di pomeriggio in orario extracurricolare.
Il corso  risponde ad un’esigenza dell’utenza costituita principalmente da famiglie, provenienti da altri paesi, che non sono in grado di seguire i propri figli in maniera adeguata a causa della scarsa padronanza della lingua italiana.
I bambini, divisi in gruppi di lavoro,  vengono seguiti nello svolgimento dei compiti assegnati a casa da personale qualificato, al fine di potenziare gli apprendimenti nelle aree logico matematica e linguistico espressiva.
Il progetto è promosso dall’Assessorato alla Partecipazione Democratica in collaborazione con la Cooperativa Sociale “Incontro di mani”.
RECUPERO/ POTENZIAMENTO DELLA MATEMATICA
Le attività, effettuate nelle ore di compresenza nella scuola primaria, prevedono interventi, a piccoli gruppi e per classi aperte di recupero e rinforzo del programma svolto, nell’intento di concretizzare il diritto all’istruzione e all’acquisizione di competenze previste al termine di ogni grado di scuola.
Durante le attività proposte si tiene conto dei ritmi di apprendimento e della peculiarità di ciascuno proponendo un insieme di contenuti relativi ai nuclei fondanti del curricolo di matematica: numeri, spazio e figure, relazioni, misure, dati e previsioni.
Vengono predisposte esercitazioni individuali e collettive e somministrate schede di livello. A supporto di tali attività vengono utilizzati software didattici, testi specifici e mappe concettuali.
Per gli alunni che hanno  già consolidato gli apprendimenti sono organizzate attività e strategie mirate alla valorizzazione dell’eccellenza.
AVVIO AL PENSIERO COMPUTAZIONALE (CLASSI TERZE)
Il progetto è rivolto agli alunni  delle classi  terze della scuola primaria del nostro istituto comprensivo e prevede attività da proporre in orario curricolare per sviluppare competenze logiche e capacità di risoluzione  di problemi in modo creativo ed efficace pianificando una strategia adeguata.
Il curricolo digitale individua le competenze promuovendo l’acquisizione delle prime abilità di  alfabetizzazione informatica, delle tecnologie digitali e del pensiero computazionale a più livelli e fasi di competenza utilizzando come strumento didattico privilegiato il Coding,  consentendo di apprendere le basi della programmazione informatica in modo pratico e divertente scomponendo un problema complesso in diverse parti, più semplici che,  se affrontate  e risolte a più livelli e stadi di competenze, permettono  la risoluzione di un  problema generale.
IL GIOCO DEGLI SCACCHI
Il gioco degli scacchi è attuato nelle scuole primarie e nella scuola secondaria di primo grado.
Nella scuola primaria viene realizzato in orario curricolare nelle classi aderenti con il contributo dei genitori.
Nella scuola secondaria è previsto un rientro settimanale in orario extracurricolare per gli alunni che aderiscono all’iniziativa con il contributo dei genitori.
Il gioco contribuisce a trasmettere con una metodologia diversa, alcuni concetti matematici.  Ad esempio possono essere insegnati, tramite l’uso della scacchiera:
– concetti topologici: sopra, sotto, avanti, dietro, vicino, lontano, destra, sinistra, prima, dopo;
– concetti e termini geometrici: orizzontale, verticale, diagonale maggiore, diagonale minore, centro, lato, diagramma, coordinate, adiacenze;
– orientamento: saper spostare un pezzo da una casa all’altra della scacchiera seguendo un determinato percorso.
– utilizzo dei diagrammi di flusso: ogni serie di mosse per il raggiungimento di uno scopo costituisce un diagramma di flusso per mezzo del quale si stabilisce lo svolgimento di una partita tenendo conto della reazione logica dell’avversario.
Il gioco contribuisce, dunque, alla formazione generale dell’alunno perché ogni partita stimola inconsciamente la messa in moto di automatismi che influiscono sullo sviluppo delle capacità logiche, della consequenzialità, delle capacità di ragionamento, di analisi, sintesi e approfondimento; permette inoltre di rafforzare la memoria in generale, la memoria visiva in particolare, la lucidità, la capacità di astrazione e l’abilità d’argomentazione.
I docenti delle classi coinvolte sono affiancati da esperti esterni qualificati, Maestri di scacchi della Federazione Scacchistica Italiana e della Federazione Internazionale di Scacchi.
PREPARIAMOCI ALL’ESAME
E’ rivolto agli alunni che frequentano la classe terza della scuola secondaria di primo grado e si svolge in orario pomeridiano dividendo i ragazzi in piccoli gruppi due volte a settimana per due ore consecutive.
Questo progetto intende preparare l’alunno sia sotto il profilo emotivo che culturale prevenendo  l’insuccesso. Vengono proposti approfondimenti per superare al meglio la prova scritta. Gli alunni, guidati dai docenti, costruiscono percorsi multidisciplinari che simulano il colloquio orale.
PROBLEM SOLVING e competizioni d’informatica
“Lo studio e l’esercizio della tecnologia favoriscono e stimolano la generale attitudine umana a porre e a trattare problemi, facendo dialogare e collaborare abilità di tipo cognitivo, operativo, metodologico e sociale“. (Indicazioni nazionali del 2012)
Da questo presupposto il progetto Allenamento al Problem Solving, rivolto agli alunni delle classi seconde e terze della scuola secondaria di primo grado “Francesco Podesti“ in orario extracurricolare, avvicina i partecipanti alla metodologia del problem solving, avvia all’uso dello strumento informatico come mezzo per ricercare informazioni, approfondisce le conoscenze in modo trasversale rispetto alle discipline scolastiche e al e-learning e al coding, seguendo le indicazioni della Legge 107/15.
Al termine delle attività gli alunni partecipano alle olimpiadi di Problem Solving, concorso che ogni anno viene promosso dal MIUR in collaborazione con l’Università Bocconi.
AULA DI SCIENZE
Il progetto è rivolto a tutte le classi della scuola secondaria di primo grado.
L’attuazione del curricolo di Scienze non può prescindere da attività laboratoriali nelle quali il metodo scientifico si scopre e si acquisisce “facendo” e non solamente attraverso la trattazione teorica dei contenuti.
Gli obiettivi sono inerenti al Curricolo di SCIENZE; il conseguimento degli stessi è riscontrabile attraverso le verifiche e le osservazioni sistematiche che avvengono durante l’attività curricolare.
L’utilizzo degli spazi allestiti può essere fatto in orario curricolare o anche in orario extracurricolare.
Punto di forza del progetto è la migliore acquisizione delle competenze scientifiche degli alunni.