Area dei linguaggi non verbali

I linguaggi non verbali hanno la finalità di sviluppare e potenziare le capacità di esprimersi e comunicare in modo creativo e personale; di acquisire una propria sensibilità estetica; di favorire l’attivazione di processi di cooperazione e socializzazione; di contribuire al benessere psico-fisico, in una prospettiva di prevenzione del disagio, dando risposta a bisogni, desideri, domande, caratteristiche delle diverse fasce di età. Quindi, tali linguaggi, fanno sì che la scuola si apra al mondo, in una prospettiva interculturale, portandola a confrontarsi criticamente con la “cultura giovanile” e con le nuove modalità di apprendimento proposte dalle tecnologie della comunicazione.
In riferimento ai linguaggi non verbali, l’area si articola in ambiti diversi che vanno dalla musica, all’arte e al teatro.
L’attività musicale interessa l’intera utenza scolastica e mira allo sviluppo armonico della personalità, attraverso la conoscenza e l’utilizzo di materiali sonori e dei relativi linguaggi espressivi; promuove l’integrazione delle componenti percettivo-motorie, cognitive e affettivo-sociali. Si articola in proposte differenziate che comprendono: l’attività corale, l’utilizzo di strumenti musicali (metodo Orff-Schulwerk), l’esecuzione di musica d’insieme e pratiche coreutiche. L’intervento di personale interno con competenze specifiche e di esperti esterni, dà valore aggiunto alla disciplina musicale e rappresenta un’opportunità di arricchimento dell’offerta formativa. In quanto mezzo di espressione e di comunicazione, la musica interagisce costantemente con le altre arti ed è aperta agli scambi e alle interazioni con i vari ambiti del sapere.
Attraverso il percorso di arte e immagine, l’alunno impara a utilizzare e a fruire il linguaggio visivo, al fine di: evolvere l’esperienza espressiva spontanea, leggere e interpretare in modo critico e attivo i linguaggi delle immagini e quelli multimediali, comprendere le opere d’arte, conoscere e apprezzare i temi culturali e il patrimonio artistico a partire dal territorio di appartenenza. Lo sviluppo di queste capacità è una condizione necessaria per creare un atteggiamento di curiosità e di interazione positiva con il mondo artistico.
Le attività teatrali, realizzabili anche attraverso il contributo dell’Ente Locale e dell’ intervento di esperti, rappresentano un percorso complementare ai linguaggi verbali ed offrono, in contrapposizione ai linguaggi multimediali, un ambiente in cui organizzare forme di lavoro cooperativo attraverso lo scambio continuo dei ruoli (role play) con i coetanei, utilizzando linguaggi che predispongono maggiore riflessione e concentrazione, nonché tempi e ritmi più distesi.
“Il teatro racconta molte meno cose di quanto si possa ottenere collegandosi ad internet, ma forse permette un maggiore approfondimento ed una più immediata partecipazione emotiva.”
I Progetti, che arricchiscono l’Offerta Formativa curricolare, coinvolgono i tre segmenti scolastici:
SCUOLA DELL’INFANZIA:
ARTE:  “ARTE NELLA SCUOLA DELL’INFANZIA”
Le attività progettate intendono spingere i bambini verso forme artistiche e linguaggi espressivi, stimolare l’osservazione, la curiosità e la creatività, sviluppare la percezione visuo/motoria ed educare al bello ed al senso estetico.
SCUOLA PRIMARIA:
MUSICA:  “DI TANTO…IN…CANTO”
Con l’aiuto di diversi esperti musicali vengono proposti giochi di esplorazione vocale, attività finalizzate alla conoscenza e all’ utilizzo di alcuni strumenti musicali ritmici e melodici, ascolto e  memorizzazione di semplici brani vocali e strumentali, curandone l’intonazione, l’espressività e l’interpretazione. Attraverso la rielaborazione di canti, la pratica strumentale e vocale (individuale o di gruppo), la riproduzione di semplici sequenze ritmiche con il corpo (body percussion), gli alunni sviluppano capacità di attenzione e concentrazione per un’ottimizzazione dell’esecuzione da un punto di vista melodico, ritmico, armonico e timbrico, nonché di cooperazione tra pari, per una fruizione attiva e creativa degli elementi musicali e dei diversi linguaggi espressivi (sonoro, visivo, verbale).
Il progetto si conclude con il coinvolgimento dei genitori in lezioni aperte o spettacoli musicali e teatrali.
Annualmente, gli studenti delle classi quarte o quinte, partecipano al Festival  Internazionale “Giovani…in folk”, promossa dall’ Associazione Culturale riminese “Fermento Etnico”, rivolta alle giovani generazioni che, nell’anno scolastico, lavorano sulle tradizioni popolari del proprio territorio,  con particolare riferimento alla danza folkloristica regionale. (www.fermentoetnico.org)
ARTE:  “ABILITA’ INSIEME”
Le attività del Progetto, promosso dal Comune di Ancona e in collaborazione con  il Centro H onlus, riguardano il collage, il disegno, la pittura, nonché   la lavorazione dell’argilla e  la realizzazione di manufatti in ceramica.
Tutti i soggetti coinvolti (gli alunni della scuola primaria e i giovani diversamente abili), intendono creare un filo conduttore di scambi reciproci per la realizzazione delle finalità formative / educative. (www.centroh.com)
TEATRO:  “TEATRO –  EDUCAZIONE”
Il progetto intende fornire agli alunni, attraverso gli incontri con esperti del Teatro del Canguro e del Centro Danza Ancona, un’opportunità espressiva  alternativa ai linguaggi abitualmente usati nella scuola e nella società, stimolandone la creatività libera e non condizionata dalle comunicazioni mass-mediali, favorendo anche la socializzazione.
L’utenza del nostro Istituto,  proveniente  da  diverse  realtà linguistiche  e culturali, trova  nel  progetto  un collante cognitivo,  emotivo  ed  affettivo  capace  di  coinvolgere all’unisono la diversità.
SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO
MUSICA:  “CONCERTI PER LE SCUOLE”
La partecipazione ai concerti ha lo scopo di sviluppare nei giovani la cultura musicale, di educarli ad un ascolto consapevole e di fare apprezzare la musica sul piano estetico nelle sue diverse forme.
Studenti ed insegnanti assistono ai concerti serali “Amici della musica – Guido Michelli” che si tengono presso il Teatro delle Muse e il Teatro Sperimentale della nostra città.
( www.amicimusica.an.it)
ARTE:  “STORIA –  ARTE – AMBIENTE”
Conoscere i luoghi cardine della città; imparare a leggere mappe e cartine, promuovere il metodo “Learning by discovery” attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie; collegare eventi storici ai “segni” presenti sul territorio; imparare a leggere le opere d’arte; sviluppare l’interesse verso la tutela e la conservazione delle opere d’arte.
TEATRO:  “LABORATORIO TEATRALE”
L’attività teatrale in orario extracurricolare nasce con l’obiettivo di motivare ed appassionare i ragazzi all’interazione creando legami significativi tra membri del gruppo-classe.
In collaborazione con Enti del territorio ed esperti esterni, è previsto un laboratorio teatrale finalizzato alla realizzazione di uno spettacolo.